Bracco Nasce la Fondazione che punta su cultura, scienza e sociale

Aiuti alla popolazione di Haiti, restauro della Galleria di Alessandro VII al Palazzo del Quirinale, sostegno a una grande mostra su Canaletto a Washington, iniziative per la salute della donna e per i giovani. Progetti della Fondazione Bracco, nuova istituzione culturale presentata ieri da Diana Bracco, presidente del Gruppo (e ora anche della Fondazione). «Oggi Milano vanta una nuova eccellenza all’insegna dell’impegno sociale. Una nuova istituzione culturale impegnata nella promozione della ricerca scientifica, nell’innovazione, nella valorizzazione del patrimonio artistico e culturale e nella formazione dei giovani», ha detto il sindaco Letizia Moratti di fronte ai membri del comitato tra cui il genetista Luigi Luca Cavalli Sforza, la ricercatrice Maria Benedetta Donati, il direttore d’orchestra Lorin Maazel, il Maestro Arnaldo Pomodoro e Livia Pomodoro, presidente del Tribunale. «Questa nuova Fondazione – le parole della Bracco – si fonda sulla volontà di costruire un progetto che coinvolga le nuove generazioni e spazi dalla scienza al sociale, dalla cultura all’arte. Ispirato a valori quali l’etica della responsabilità, il senso del dovere, l’impegno per l’innovazione e l’attenzione per la persona».