Brahms apre la stagione della Gog

Barbara Catellani

Sfavillante e prestigiosa si annuncia la stagione di Concerti 2005/2006 della Giovine Orchestra Genovese, che si aprirà mercoledì 12 ottobre con un indiscusso capolavoro del repertorio romantico, il Concerto per violino e orchestra di Johannes Brahms, e con la celeberrima - e pare di moda quest’anno - Quinta Sinfonia di L.W.Beethoven. Protagonista della serata d’apertura, che rientra nel quadro di «Paganiniana 2005», in collaborazione con il Comune di Genova, una giovane ed apprezzatissima interprete, Julia Fischer, accompagnata dalla celebre Orchestra Sinfonica della Radio di Berlino diretta da Marek Janowsky. Differenti e stimolanti le linee guida che percorrono gli appuntamenti musicali in cartellone, incentrati su grandi capolavori di tutti i tempi: prima fra tutte la presenza di giovani artisti nel pieno di una brillante carriera, tra cui i violinisti Barnabas Kelemen, Nikolaj Znaider, Baiba Skride e Lisa Batiashvili.
Altra linea artistica d'eccezione è la scelta di pagine straordinarie ma raramente eseguite della storia della musica, tra cui spicca il Messiah di Händel, proposto nell’edizione originale inglese da Academy of Ancient Music e da Choir of New Oxford College, diretti da Edward Higginbottom e la prima composizione strutturalmente dodecafonica di Schönberg, il Quintetto per fiati opera 26, presentata dal Quintetto Avant-Garde. Insolito ma non meno curioso il percorso dell’improvvisazione, tema centrale in due concerti - «Musica Porosa» di Markus Stockausen e Tara Bouman con l’Ensemble Dissonanzen e «Tra improvvisazione e composizione», con Enrico Pieranunzi al pianoforte - ma presente anche in esecuzioni di repertorio classico tradizionale, quali la Sonata per violino di Schumann, arrangiata ed eseguita al violoncello da Steven Isserlis, accompagnato da Dénes Varjon al pianoforte.
La Stagione prevede inoltre appuntamenti con nomi celebri ed apprezzati dal pubblico genovese, quali Viktoria Mullova, Uto Ughi, Radu Lupu, Grigory Sokolov, il duo Brunello -Lucchesini, Heinz Holliger e Richard Goode. Da segnalare, nell’ambito di una rassegna di Teatro Musicale per ragazzi, il singspiel in un atto «Bastiano e Bastiana» del giovane Mozart, che verrà eseguito dall’Orchestra Sinfonica di Savona diretta da Pietro Borgonovo nella Casa Paganini, luogo d’elezione destinato a divenire ancor più sede di interessanti e raffinate esecuzioni.
Grandi nomi, dunque, e giovani talenti ai primi passi nel concertismo internazionale.