Brambilla: «Circoli della libertà in prima fila»

da Milano

«Lo Stato a Milano può e deve fare di più per essere al servizio dei cittadini e garantire la sicurezza. È il fondamento stesso del patto sociale. Per questo noi saremo a fianco del sindaco di Milano, Letizia Moratti». Michela Vittoria Brambilla è il presidente nazionale dei Circoli della libertà, che oggi saranno in marcia a Milano al fianco dei milanesi. «I Circoli ci saranno - spiega la Brambilla - anche se mi stupisce la polemica montata da tanti esponenti del centrosinistra. Come se la piazza fosse cosa loro. A Vicenza si può anche contraddire il governo, pur di gridare contro gli Usa e a Milano non si può manifestare per chiedere più sicurezza?». Anche perché, sottolinea «saremo in piazza non “contro” qualcuno, ma “per” qualcosa. Parlare di politicizzazione è fuorviante, visto che questa richiesta nasce dalla base. Se questo disturba il centrosinistra e il governo Prodi si tratta di un’ulteriore conferma che, per l’ennesima volta, questa maggioranza dimostra di non conoscere il Paese che si è trovata a governare. Speriamo ancora per poco».
La sicurezza è un problema che mina anche la crescita economica. «C’è un sondaggio curato dai Circoli - sottolinea la Brambilla - secondo il quale un commerciante su tre ha subito un atto criminale. Ed è un trend negativo che purtroppo tende ad aumentare, specie a Milano e in Lombardia. Alcune città come Lecco e Bergamo si sono trovate a fronteggiare questa emergenza. Ecco perché tra le associazioni che sfilerà in piazza c’è anche Confcommercio». Se la sinistra non sarà con noi, conclude la Brambilla, pagherà «un prezzo politico molto alto».