Brambilla: «Pronti 400 milioni per l’industria turistica»

RomaL’economia è in sofferenza ma c’è un settore che inaspettatamente sta portando soddisfazioni e entrate. È il gioiello dell’Italia, il turismo: nei primi sei mesi dell’anno la spesa dei visitatori in Italia è cresciuta del 7,3% per 7.37 miliardi di euro. La presenza straniera è cresciuta dell’1,3%, con l’impennata di arrivi dalla Cina (+86%), oltre che da Australia, Brasile e Russia. Il ministro del Turismo Michela Vittoria Brambilla lancia ora un super incentivo per chi decide di investire. Quattrocento milioni dei Contratti di sviluppo saranno destinati «per la prima volta in Italia all’industria turistica». L’avviso è per tutti gli imprenditori, soprattutto delle aree del sud, delle aree cosiddette «sottoutilizzate», ma anche del resto del Paese, purché gestiscano imprese medie e piccole. Il sostegno economico può variare dal 10 fino al 50 per cento del valore dell’investimento. Contemporaneamente il governo punta sulla formazione. Da gennaio partirà a Caserta il primo corso di formazione manageriale per l’innovazione turistica: sei mesi di master, con quaranta posti destinati a funzionari che già operano nel settore.