Al Brancaccio una presidentessa di nome Sabrina

La Ferilli protagonista della commedia diretta da Proietti tra le novità della prossima stagione In cartellone anche il musical «The producers» di Mel Brooks

Ariela Piattelli

Un cartellone denso di eventi e spettacoli all’insegna del divertimento quello promesso dal Politeama Brancaccio per la prossima stagione. «Quest’anno - racconta Gigi Proietti, direttore artistico del Brancaccio - ci ha regalato una grande affluenza di pubblico, tra cui molti abbonati. L’impegno di questo teatro è quello di proporre spettacoli rivolti, soprattutto, a quel pubblico che normalmente non frequenta il teatro, ed è questa la ragione del successo che ha portato il Brancaccio ad essere eletto, nella scorsa stagione, uno tra i primi teatri italiani».
Ad aprire la stagione sarà Quella del piano di sopra (dal 18 ottobre fino al 6 novembre), una commedia di Pierre Chesnot, diretta da Gigi Proietti, con Sandra Collodel e Pino Quartullo. Definita da Proietti «il dramma di due solitudini», la commedia ha come protagonisti due single vicini di casa, lui «orso» e scontroso, lei disperata, a tal punto di tentare il suicidio, perché non è mai stata resa felice da un uomo, il suo ultimo tentativo per raggiungere la felicità sarà quello di «sposare il primo scapolo che capiti sotto tiro».
Dall’8 al 27 novembre sarà in scena Moni Ovadia (una novità assoluta per il Brancaccio) con il suo Es Iz Amerike, una storia di immigrazione raccontata attraverso la musica yiddish ed il testo scritto e recitato da Ovadia stesso. Attesissimo il debutto nella prosa di Sabrina Ferilli, che dal 15 dicembre al 29 gennaio, sarà protagonista, insieme a Maurizio Micheli, di La presidentessa: una commedia borghese degli equivoci, scritta da Maurice Hennequin e Veber, diretta da Gigi Proietti. Una tra le più celebri commedie americane degli anni novanta, Harry ti presento Sally di Nora Ephron sarà in scena dal 31 gennaio al 19 febbraio: il curioso adattamento sarà diretto da Daniele Falleri ed avrà come protagonisti Giampiero Ingrassia e Marina Massironi. Una produzione dell'Ambra Jovinelli, altro teatro storico del quartiere Esquilino, arriverà al Brancaccio dal 21 febbraio al 12 marzo: Concha Bonita, «commedia fantastica in musica» di Alfredo Arias e René De Ceccatty, adattata per il pubblico italiano da Cerami e Piovani, e diretta da Alfredo Arias (protagonista d’eccezione Catherine Ringer, leader del gruppo rock Les Rita Mitsouko, ribattezzata in Francia come «la Piaf del pop»).
The producers, l’esilarante musical di Mel Brooks (che ha vinto numerosi Oscar ed è considerato uno tra i migliori musical in assoluto), sarà in scena dal 17 marzo al 30 aprile, diretto da Saverio Marconi sarà interpretato da un’eccezionale coppia di attori, Enzo Iacchetti e Gianluca Guidi.
La stagione del Brancaccio chiuderà con uno spettacolo di Gigi Proietti (di cui il titolo è ancora da definire) che andrà in scena a maggio.