Brancher: «Quell’Aldo non sono io»

Questione di omonimia. Aldo Brancher, deputato di Forza Italia ed ex sottosegretario alle Riforme, rigetta ogni addebito in merito alle intercettazioni dell’inchiesta sulle scalate bancarie inviate in Parlamento dal Gip Clementina Forleo: «Quell’Aldo non sono io», la difesa dell’Onorevole Brancher. «In una nota in calce ad una pagina dell’ordinanza numero 2 del Gip, si legge che il nome Aldo sarebbe “presumibilmente Brancher”. Voglio precisare - replica il deputato azzurro - che non si tratta di me e che evidentemente il nome è riferito ad un’altra persona».