Il Brasile, una squadra di vecchietti

Arrivano i nostri, ma anche gli altri. Piovono le griglie di partenza dei selezionati ai mondiali con qualche sorpresa. Per esempio la Spagna ha lasciato a casa Fernando Morientes, Van Basten non si porterà dietro Huntelaar, il giovane cannoniere dell’Ajax (33 gol), la Francia ha snobbato Giuly, il topolino del Barcellona che ha crocefisso il Milan in Champions, la Germania non avrà Kuranyi, il cannoniere dello Schalke 04. Occhi di tutti sulle scelte del Brasile con la sua bella cinquina d’attacco: Ronaldo, Robinho, Ronaldinho, Adriano e Fred dell’Olympique Lyon. Età minima Robinho (22 anni, il più giovane della squadra), il più vecchio è Ronaldo (30). Il più vecchio in assoluto Cafu (36). Età media della squadra: 28,86, non proprio sbarbatelli, la metà va dai 30 ani in su. Gli «italiani» sono i portieri Dida e Julio Cesar, Cafu, Emerson, Kakà e Adriano. Geograficamente la Seleçao è distribuita fra Spagna e Italia (6 calciatori a testa), poi Germania (4), Francia (3 e tutti dell’Olympique), Portogallo (Benfica) e Inghilterra (Arsenal). Solo due convocati giocano in Brasile (il terzo portiere Rogerio Ceni e Ricardinho).
Colpo basso per Javier Zanetti che non giocherà i mondiali con l’Argentina. Stessa sorte per Walter Samuel. Capitan Zanetti depone la bandiera su invito del ct Pekerman. Una telefonata per annunciare la bocciatura. «Nessuno mi ha spiegato cosa ho fatto di male per non esserci», ha raccontato Zanetti ai media argentini con grande amarezza. Ci saranno, invece, Cambiasso e Burdisso che facevano parte del blocco della squadra giovanile sulla quale il ct punterà. E, ultima novità, la presenza di Julio Cruz.
Invece ci sarà Stankovic con la Serbia e con lui Vucinic del Lecce. La Repubblica Ceca punterà sulla vecchia guardia con Nedved, Jankulovski e Ujfalusi per spiegare pregi e segreti d’Italia. La Croazia ha inserito Simic (Milan) e Kovac (Juve) nella lista che comprende anche Tudor. Shevchenko guiderà l’Ucraina, Behrami (Lazio) e Vogel (Milan) saranno con la Svizzera dove spunta qualche nome italiano (Coltorti, Barnetta, Lustrinelli). Marc Zoro giocherà nella Costa d’Avorio insieme a Drogba. Curiosità nella Costarica che si presenterà con Martinez del Brescia, ma pure con due disoccupati: Bernard e Wanchope.