«Il brasiliano è il numero uno ma il gol di Gila conta di più»

da Milano

Gilardino, al primo gol in Champions, sorride: «Sono contento per me, ma lo sono ancora di più per la vittoria. È la risposta giusta dopo il derby perso. Kakà? Un fenomeno, un grande giocatore e un grande uomo. Il campionato? È ancora lungo, ma dobbiamo tornare subito al successo, già domenica con l’Atalanta».
Ed ecco Ancelotti che prima pensa all’Europa («Ci manca un punto per la certezza della promozione, dovrà arrivare già ad Atene») e poi alla partita, «buona pur se sul 3-1 abbiamo sofferto, sbandando troppo. È che noi abbiamo Kakà, l’elemento più bravo e determinante che vi sia ora al mondo, ancora più di Ronaldinho. È straordinaria la semplicità e l’efficacia delle sue giocate».
Ma il tecnico quasi esplode di gioia per l’autore del quarto gol: «Finalmente Gilardino si è sbloccato, forse è ancora più importante la sua rete delle tre di Kakà. Gila si era già sbloccato sabato in campionato, ora in champions. Abbiamo il vero Gilardino». Ma c’è il problema della difesa: «Incassa troppi gol. Risolto il problema dell’attacco, ora dovremo pensare a quello della difesa. Abbiamo perso pure Kaladze e Nesta, non torneranno presto. Per fortuna in rosa ci sono 10 difensori». Ma solo sei a disposizione.
Prima del match aveva parlato Silvio Berlusconi: «Che ci sia un'offensiva contro le mie aziende, pure contro di me, giudiziariamente assolutamente infondata, e anche nello sport, è chiaro a tutti». Per poi soffermarsi sulla sponda calcistica: «Il Milan è sempre grande, siamo sempre primi in Europa, siamo sempre quelli che esprimono il calcio migliore grazie anche al fatto che abbiamo in rosa degli ottimi attaccanti che si affermeranno a suon di gol». Intervistato da Milan Channel, il presidente aveva spiegato di «non vedere tutti questi allarmi» e che «la penalizzazione è stata assorbita ed è alle spalle. Già in passato ci hanno sottratto degli scudetti, ma siamo più forti della sfortuna, più forti dell'invidia, più forti dell'ingiustizia. Il Milan è la rappresentazione dei buoni sentimenti».