Bravi sconosciuti attori, ma quanto parlano...

COUS COUS. Mamma mia, quante chiacchiere. In due ore e mezza ce n’è da stordire perfino i più grandi critici. Che non l’ammetteranno mai. Nella cittadina portuale di Sète, vicino a Marsiglia, un arzillo neopensionato, in crisi con la famiglia, freme per aprire il ristorante della riabilitazione. Un film di incredibile logorrea, con bravi attori sconosciuti e personaggi ben descritti, che si farebbero apprezzare di più se ogni tanto tenessero la bocca chiusa.