Bravo il Quartetto d’archi dal Settecento al Novecento

Dal 1994 la Dynamic, una piccola casa genovese che ha saputo ritagliarsi un notevole spazio internazionale, pubblica, con cadenza periodica e ottime risposte della critica, registrazioni del Quartetto d’archi di Venezia. Vale a dire Andrea Vio e Alberto Battiston (violini), Luca Morassuti (viola) e Angelo Zanin (violoncello). È un gruppo eccellente, intelligente, curioso e, d’intesa con i discografici, sa scegliere i brani da registrare. Tutte integrali e tutte di musicisti nostrani: dalle opere 8, 39, 41, 64 e 52 di Boccherini ai sei Quartetti di Antonio Bazzini, artefice della rinascita cameristica italiana di secondo Ottocento, ai quartetti di Verdi, Puccini (è Crisantemi, più noto nella versione per orchestra d’archi) e Zandonai (rarissimo), da lavori giovanili di Ottorino Respighi, agli otto, importanti Quartetti di Gian Francesco Malipiero. Questo ricco e impeccabile excursus dal Settecento di Boccherini al Novecento storico dei Respighi e dei Malipiero è stato ora raccolto in un cofanetto di dieci dischi slim a basso prezzo e in elegante confezione: titolo, «Quartetti italiani». Lo consigliamo caldamente.



Quartettti italiani (10 cd Dynamic)