«Break in jazz» concerti all’aperto

L’attività dei jazz club milanesi, dopo qualche battuta d’arresto dovuta ai giorni festivi, riprende ora in pieno. E ai programmi delle sale si aggiungono i concerti all’aperto di Break in Jazz che cominciano oggi dalle 13 alle 14 (piazza Mercanti, ingresso libero) con la Swing Band diretta da Paolo Tomelleri e proseguono mercoledì e venerdì rispettivamente con Sax Ensemble a cura di Mauro Negri e Giulio Visibelli e con Bass on Top a cura di Mino Fabiano. Domani riaprono il Blue Note e il Caffè Doria. Il Club di via Borsieri 37 (martedì e mercoledì ore 21, giovedì venerdì e sabato ore 21 e 23.30) ospita domani il quartetto Black Hole di Cavallanti, Tononi, Donatiello e Flammia; mercoledì ritorna a Milano per un solo concerto la cantante Rebekka Bakken; nelle tre sere seguenti è di scena il chitarrista Nicola Conte con un settetto nel quale si notano la voce di Kim Sanders e il sassofono di Daniele Scannapieco. Al Doria Jazz Club di viale Doria 22 (ore 22) si esibisce domani Swingpink, un attraente quintetto composto tutto di donne; giovedì 10 maggio suonano i cinque Ragamuffins di Paolo Tomelleri. Le Scimmie di via Ascanio Sforza 49 annunciano (soltanto per domani alle 22) l’eccezionale concerto di Roswell Rudd, trombonista americano fra i più illustri di ogni tempo, accompagnato al pianoforte da Riccardo Fassi. Alla Salumeria della Musica spicca giovedì alle 22 un recital gershwiniano del duo pianistico di Renato Sellani e Mariapia Carola.