BreBeMi, via al Comitato manca solo la Provincia

Accordo di programma per realizzare la Brescia-Bergamo-Milano. E nel maxiemendamento della Finanziaria il governo stanzia i fondi

Avanti tutta sulla Brebemi, con o senza la Provincia. Il giorno dopo le dichiarazioni del presidente Filippo Penati, che non ha escluso la possibilità che Palazzo Isimbardi ceda la propria partecipazione nella Brescia-Bergamo-Milano, ieri il governatore Roberto Formigoni ha insediato il comitato tecnico dell’Accordo di programma per la realizzazione dell’opera autostradale. Si è augurato che «non ci sia un passo indietro da parte della Provincia, perché sarebbe un atteggiamento contraddittorio». La dismissione comunque sarebbe da leggere, sostiene, «come un dato tecnico industriale, e non politico». Il Comitato per la Brebemi definirà nei particolari il percorso di attuazione del progetto. L’accordo è stato siglato con le province di Brescia, Bergamo, Cremona e Lodi, oltre che dall'Anas e da rappresentanti ministeriali. «Un’opera decisiva - ricorda -, che diminuirà di 20 chilometri il percorso da Brescia a Milano e che sarà alternativa al traffico autostradale».
Nessun dietrofront invece dal Governo. «Mi attendo che in Finanziaria siano rispettati gli accordi presi sulle infrastrutture lombarde - aveva puntualizzato ieri mattina Formigoni -. Sarebbe gravissimo se gli accordi saltassero, non posso e non voglio pensare che il Governo venga meno alla parola data». E il pressing lombardo ha sortito gli effetti desiderati. Il maxiemendamento del Governo alla Finanziaria presentato ieri sera ha assicurato punto per punto gli stanziamenti promessi al Tavolo Milano con Regione e Comune: contributo quindicennale di 10 milioni di euro dal 2007, di 30 milioni dal 2008 e di 40 dal 2009 per Pedemontana; poteri concedenti per la realizzazione di Pedemontana, Brebemi e tangenziali Esterne ad un soggetto di diritto pubblico partecipato da Anas e Regione; contributo quindicennale di 3 milioni dal 2007, 6 milioni dal 2008 e sei dal 2009 per la linea metropolitana 4 da Lorenteggio a Linate. Una quota è destinata «al potenziamento della rete ferroviaria locale lombarda, con priorità per le tratte ad alta frequentazione adibita al trasporto dei pendolari».