Brebemi, l'Unione europea libera la strada

Bruxelles ritira la procedura d’infrazione: "Non ci fu restrizione della concorrenza"

«La Commissione europea ha revocato la procedura d’infrazione contro BreBeMi». Il governatore Roberto Formigoni e l’assessore alle Infrastrutture Raffaele Cattaneo non avevano dubbi: «Eravamo certi della correttezza del nostro lavoro. La decisione della Commissione europea scongiura il rischio di subire altre perdite di tempo e consente di mantenere l’impegno di aprire i cantieri entro la fine di giugno 2009». La procedura di infrazione era stata aperta lo scorso novembre dopo la firma della convenzione fra Cal (la società concedente posseduta al 50 per cento da Anas e al per cento da Infrastrutture lombarde) e la concessionaria Brebemi con il dubbio, poi fugato, che non fossero state rispettate le regole della concorrenza. Dunque, il crono-programma della Brescia-Bergamo-Milano è salvo, il nulla-osta europeo dà il via libera all’opera che attende l’approvazione definitiva del Cipe: «Continuiamo la vigorosa rincorsa» chiosa appunto il presidente della società autostradale, Francesco Bettoni. «Ora si va avanti con BreBeMi che è anello importante di un network infrastrutturale che porta a una maggiore competitività e a nuove sfide del sistema economico e sociale». Plauso anche da Forza Italia con Paolo Valentini: «Nelle istituzioni europee ha prevalso la ragionevolezza e il fare squadra da parte del sistema Lombardia».