Breve guida per sopravvivere a Ferragosto

Marco Morello

A ferragosto Roma diventa un fatto privato, una storia per pochi intimi. Nel giorno che divide idealmente l’estate in due parti, la capitale dismette i panni della metropoli e si trasforma in un paese dalle dimensioni spropositate, in cui c’è anche il tempo di scrutare con curiosità lo sguardo dei rari passanti che si incrociano per strada. Secondo i dati forniti da Telefono blu, il 63 per cento dei romani è già in vacanza, e a questi si aggiungeranno molti «indecisi» dell’ultima ora che si regaleranno qualche ora di relax con una gita fuori porta. Eppure la Città eterna non chiude i battenti. Sono tantissime le iniziative riservate a chi ha deciso di rimanere e ai tanti turisti che sono diventati i padroni assoluti del centro. Eccone una rassegna approfondita.
Servizi. Il Comune lascerà attivo, 24 ore su 24, lo 060606. È questo il punto di partenza più logico per avere informazioni multilingue su tutte le offerte del Campidoglio a ferragosto. Rimangono in funzione i servizi delle sei «oasi» per anziani e il servizio di teleassistenza e telesoccorso «Non più soli», che monitora a distanza circa 5.000 nonni. Saranno attivi la rete delle mense e i servizi di emergenza per le tossicodipendenze. La Sala operativa sociale fungerà da coordinamento generale: per contattarla basterà comporre il numero verde 800.440022.
Trasporti. Orario festivo per i mezzi pubblici, sia di superficie che sotterranei. Metropolitane, autobus e ferrovie concesse si comporteranno esattamente come in una qualsiasi domenica. Il traffico quasi inesistente dovrebbe anzi renderne più fluida la circolazione.
Negozi. Chiusi tutti gli esercizi, i centri commerciali e i supermercati. Per gli acquisti di generi alimentari e affini la soluzione migliore è recarsi nelle stazioni ferroviarie della capitale. Rimarranno aperti giorno e notte i drugstore di Termini (fino alle 21 quello di Laziali, da dove partono i treni per Fiumicino), Tiburtina, Ostiense e Trastevere. Circa 70 invece le farmacie con le saracinesche alzate.
Musei. La cultura a Roma non va in ferie. I tanti turisti e gli appassionati avranno la possibilità di visitare la maggior parte delle esposizioni. Aperti i Musei capitolini (9-20), la centrale Montemartini (9.30-19), i mercati e il foro di Traiano (9-14), palazzo Braschi (9-19), il museo napoleonico (9-19), quello di Roma in Trastevere (10-20), il Macro Mattatoio (16-24), il museo Pietro Canonica a Villa Borghese (9-19), il museo Carlo Bilotti Aranciera di Villa Borghese (9-19), il circo di Massenzio (9-14), il museo della Civiltà romana e il Planetario (9-14), il museo delle Mura (9-14), quello dell’Ara Pacis (9-19) e quello civico di zoologia (9-14). Possibilità anche di ammirare la mostra fotografica di Wim Wenders alle Scuderie del Quirinale (17-24), Kostabi al chiostro del Bramante (10-19), il museo del Risorgimento e l’Ara Coeli (9.30-13).
Bambini. Spazio ai piccolissimi nell’ambito delle rassegne dell’Estate romana. Al castello di Lunghezza appuntamento con il «Fantastico mondo del fantastico» (10-19.30). In alternativa c’è il sempre affascinante Bioparco (9.30-19).
Cinema. Ampia scelta tra le magie di Harry Potter e il calice di fuoco (Arena piazza Vittorio, ore 20.30), le suggestioni di La sposa cadavere (Sapienza cinema, ore 21), l’umorismo di Prime (Arenamorena, ore 21.15). Da segnalare l’offerta dell’isola Tiberina con Transamerica (sala Visconti, ore 21.15) e la rassegna Volontè: Il caso Mattei (sala Cinelab, ore 22.15). Aperte anche le principali multisala cittadine.
Musica. Concerto di Ferragosto al chiostro del Bramante con il Quartetto Pessoa (ore 21). A Fiesta si va scuola di ballo con i Cuba all stars (ore 22) mentre a villa Celimontana il protagonista è il tango con Javier Girotto, Daniele Di Bonaventura e Strings in Recordando Piazzolla y Gardel (ore 22.15). Musica classica con Chopin al giardino della Casina delle civette a villa Torlonia (ore 20.30) e parafrasi d’opere liriche al parco archeologico del teatro di Marcello (ore 20.30).
Teatro. In scena Anfitrione di Plauto alla Quercia del Tasso (ore 21.15) e Il sapore della luna di Marco Falaguasta a Roma che ride (ore 21.15).
Libri. Un trofeo di scacchi e un festival della canzone italiana d’autore fanno da cornice alla rassegna «Approdo alla lettura» sul pontile di Ostia (dalle ore 17). Alla biblioteca Sandro Onofri di Acilia mostra bibliografica del premio «Città di Roma» per Gianni Rodari (9-13 e 15-19).
In definitiva c’è l’imbarazzo della scelta, senza il classico condimento ferragostano di traffico e caos. Viene da dire beato chi resta.