«A breve tutti i dettagli»

Il matrimonio è deciso ma manca qualche dettaglio. Dopo la richiesta di chiarimenti inviata dalla Consob venerdì, ieri Popolare Intra e Veneto Banca hanno ribadito che il negoziato sull’aggregazione sarà concluso «in tempi brevi» così da sottoscrivere il protocollo d’intesa contenente tutti gli elementi caratterizzanti dell’operazione. Nel fine settimana era circolata l’ipotesi che il gruppo trevigiano stesse preparando anche uno scambio «carta contro carta» per allargare l’alleanza al 25% di Intra che non sarà oggetto di Opa. Al momento, però, il piano ufficiale rimane limitato all’offerta in contanti (15 euro per azione la proposta) con cui, complici ampie concessione in termini di governance, Veneto Banca ha battuto la concorrenza di Credito Valtellinese e Popolare di Vicenza. Prevista anche la rinuncia da parte di Intra dello statuto cooperativo per trasformarsi in Spa: i soci dovrebbero essere convocati in assemblea a gennaio.