La Brianza lancia Forza Italia: «Vinceremo»

Una gigantesca torta bianco-azzurra, con al centro il simbolo del partito e con i tric-trac al posto delle candeline. Eppoi canti e balli con la musica dal vivo di Franco Oppini (l’ex mitico gatto di Vicolo Miracoli, ve lo ricordate?) e la sua band, con la bella Alessia Mancini chiamata per una serata a riindossare i panni della velina.
Così ieri sera, al PalaCandy di Monza, la Brianza forzista ha chiuso in allegria, e soprattutto con tanto ottimismo in vista del voto di domenica e lunedì prossimi, la propria campagna elettorale. Un party beneaugurale al quale hanno partecipato oltre cinquemila persone, in compagnia del governatore lombardo Roberto Formigoni, della coordinatrice regionale Mariastella Gelmini, del commissario brianzolo di Fi (nonché consigliere regionale) Massimo Ponzoni, e tanti altri esponenti o candidati del partito azzurro.
«Non potevo non essere qui stasera - ha spiegato un caricatissimo Formigoni - visto che sono stato il primo a battermi a favore della provincia di Monza e Brianza, cuore pulsante di tantissime piccole e medie imprese, fatte da gente che si guadagna da vivere senza assistenzialismo ma con la propria intraprendenza, com’è tipico dei lombardi. Gente che domenica e lunedì prossimi non porterà il cervello all’ammasso e non si asterrà dalla lotta».
«Franco Oppini ha cantato “sono un ragazzo fortunato”, come appunto sono tutte le persone che hanno la fortuna di vivere in un Paese libero e che tale dovrà restare - ha detto la Gelmini -; da qui, dalla Brianza ci aspettiamo una grande affermazione, una stravittoria del centrodestra, affinché rappresenti un segnale forte in vista delle elezioni monzesi del prossimo anno, dove Forza Italia e la Casa delle Libertà devono tornare a vincere. La riconquista del capoluogo brianteo sarà la priorità dell’agenda regionale».
A confermare la forza del centrodestra in Brianza è stato pure Ponzoni, assolutamente convinto che domenica prossima «qui registreremo un grande risultato elettorale, perché qui c’è tanta gente che lavora sodo e che può solo votare per il centrodestra. Così come sono straconvinto che, se faremo tesoro degli errori commessi nelle altre tornate elettorali, Monza potrà tornare ad essere governata dalla Cdl».
Alla bella serata non ha voluto far mancare la propria presenza pure Stefania Craxi, candidata nelle liste di Forza Italia. «Il socialismo - ha detto dal palco del PalaCandy la Craxi - ha rappresentato tante cose nella storia politica di questo Paese, ma se tanti socialisti sottomessi hanno deciso di schierarsi con la sinistra è una scelta che non mi riguarda, perché non è in questa sinistra che ritrovo l’impronta lasciata da mio padre, cioè l’orgoglio di appartenere a una storia minoritoria ma fatta da uomini liberi». Quindi, il taglio della torta, sulla quale il governatore ha fatto «una grande croce, quella che apporrò domenica sul simbolo di Forza Italia». Musica, petardi e cotillons.