Brianza, sindaci Ds contro Penati

I sindaci della neonata provincia di Monza e Brianza si ribellano a Penati. Anche quelli del centrosinistra. Tutti uniti contro il presidente della Provincia di Milano che sulla spartizione dei beni fra i due enti «non usa il metodo della collegialità ma quello dell’egemonia».
Denuncia di chi teme eventuali «scippi» come nel caso di Serravalle, dove Penati «conferendo alla holding Asam anche le azioni della società autostradale» priva di fatto «la Provincia di Monza della possibilità di avere un peso determinante nel cda di Serravalle». Minaccia di un «eccesso di potere» che spinge quindi il comitato pro Brianza Provincia a chiedere al presidente dell’assemblea dei sindaci brianzoli e al commissario di Governo di «esercitare tutte le loro prerogative a tutela degli interessi della nuova Provincia».
Invito su carta bollata che è il preannuncio di una ennesima stagione legale contro lo strapotere dell’ex sindaco dell’ex Stalingrado d’Italia.