Briatore accusa Massa: «È un piccolo bambino»

Il manager della Renault critica il brasiliano della Ferrari: «Ha rallentato la corsa di Alonso, protesteremo ma tanto con quelli là non c’è nulla fare»

Suzuka Dopo le qualifiche e prima della corsa Flavio Briatore si è messo in pole position per attaccare al collo la Ferrari. Lo ha fatto secondo usi e costumi suoi, senza particolari giri di parole, puntando al personaggio del giorno, Felipe Massa ma aprendo il suo intervento anche alle regole e ai provvedimenti disciplinari che vengono adottati, secondo la sua interpretazione, con una certa, eccessiva elasticità da parte dei giudici.
Dunque Briatore così ha incominciato: «Massa è un bambino. Un bambino piccolo, in tutti i sensi».
La Ferrari che ha dominato le qualifiche del Gp del Giappone ha mandato in bestia il manager della Renault e Flavio Briatore si è ribellato. Il boss della Renault ha caricato a testa bassa dopo le prove ufficiali e, come detto, ha puntato dritto contro Felipe Massa.
Il pilota brasiliano della rossa in pole position non ha trovato il «gradimento» di Briatore che non ha accettato il comportamento tenuto dal sudamericano, reo di aver ostacolato Fernando Alonso.
«Massa è un bel tipo. Un bambino. Un bambino piccolo. Piccolo in ogni senso», ha detto Briatore ai microfoni di Itv.
Secondo la Renault, nella terza e ultima manche delle qualifiche, il ferrarista avrebbe proceduto lentamente, per più di un giro, ostacolando il pilota della Renault.
Alla fine, Alonso ha chiuso la sessione con il quinto tempo ed è partito dalla terza fila. Briatore non ha dubbi: «Massa era davanti a Fernando e ha frenato in ogni punto possibile. Ne parleremo con Charlie Whiting (delegato della Fia, ndr), ma tanto sappiamo che non succederà assolutamente nulla. Sappiamo già cosa ci risponderanno».
Massa e Alonso ritornano ad essere protagonisti di un episodio controverso dopo quello accaduto nelle qualifiche del Gp d'Italia. A Monza, lo spagnolo fu retrocesso sulla griglia di partenza per aver ostacolato il brasiliano.