Briatore lascia a piedi Fisichella

Flavio Briatore, boss della Renault dopo essere stato il talent scout della Formula 1, ha fatto sapere che nella prossima stagione la Renault «avrà piloti diversi da quelli di quest’anno» e che tra gli obiettivi della scuderia francese c’è Alonso. Come spesso gli accade, Briatore ha parlato a ruota libera. «È giusto che la Fia abbia respinto il ricorso della McLaren sulle presunte benzine irregolari di Bmw e Williams, legittimando in pratica la conquista del titolo mondiale da parte del ferrarista Raikkonen. Titolo buttato dalla McLaren».
Secondo Briatore, in una squadra il ruolo dei due piloti va chiarito subito e dev’essere diverso. «Oggi non ci possono essere più due prime donne, uno deve lottare per il titolo mondiale e l’altro deve fargli da scudiero, contribuendo alla conquista del titolo costruttori. La Ferrari, che ha già Raikkonen, non potrebbe prendere anche Alonso: si deve puntare solo su un pilota».
E sempre a proposito della Ferrari, Briatore ha parlato anche del ritorno di Michael Schumacher, il pilota che lo stesso Briatore ha scoperto e lanciato anni fa. «Un conto - ha detto Briatore - è fare dei test, altra cosa correre una gara mondiale che dura due ore. Ci vuole grande motivazione. Ma se Michael avesse una macchina vincente, potrebbe anche tornare in pista».
Quanto alla Renault, il cambio dei piloti significa giubilazione per Kovalainen (che potrebbe andare alla McLaren) e Fisichella, il quale è caduto dalle nuvole: «Con Briatore non ho parlato e di questa faccenda non so nulla. Io voglio correre in Formula 1 e non c’è soltanto la Renault».
Briatore ha detto poi che «ci sono 60 possibilità su 100 che Alonso, dopo una stagione disastrosa alla McLaren, torni da noi dove si era trovato benissimo, anche se gli fanno la corte Toyota e Red Bull». L’accordo con lo spagnolo sarebbe vicinissimo, da discutere solo la possibilità di interrompere il rapporto dopo un anno se i risultati non fossero soddisfacenti.