Brillano Saipem e Prysmian

Positivo l’ultimo fixing di Aem e Asm

Piazza Affari chiude bene l’ultima seduta dell’anno, recuperando parte di quel terreno perduto nel 2007 che ne ha fatto una delle peggiori borse mondiali e la peggiore in Europa. L’indice Mibtel ha terminato in rialzo dello 0,58% a 29.402 punti, lo S&P/Mib ha segnato un progresso dello 0,55% a 38.554 punti mentre l’All Stars è avanzato dello 0,81% a 14.369 punti. Alitalia ha salutato il 2007 con un balzo dell’8,26%, miglior titolo dello S&P/Mib. Bene Fiat (+2,45% a 17,69) grazie alla proroga degli incentivi auto. In evidenza Aem (+3,12% a 3,13 euro) e Asm (+2,55% a 4,99), all’ultima seduta di Borsa. Brillante anche Prysmian (+3,11% a 16,89). Rialzo per Saipem (+2,20% a 27,41) e Acotel (+1,29% a 83,25), migliori titoli 2007, rispettivamente, dello S&P/Mib e di tutto il listino. Positivi i bancari con Banco Popolare (+1,51% a 15,16) e Bpm (+1,26% a 9,32). L’accordo con Bollorè continua a spingere Pininfarina (+21,11% a 11,71) che in tre sedute è salita del 60% (pur restando uno dei titoli peggiori del 2007). Le piazze europee hanno chiuso contrastate. Bene il Dax (+0,36%), piatta Parigi, in calo Londra (Ftse100 -0,3%). A Parigi bene Air France (+1,6%). Denaro anche su Accor (+2,3%), in lettera Cap Gemini (-1,4%) e Lagardere (-1,4%). A Londra rialzi per i titoli energetici con Cairn Energy (+3%) e British Energy (+1,3%), mentre hanno registrato una flessione i finanziari con Schroders (-2,5%) e Barclays (-1%). Sul Dax rialzi per Man (+2,9%), Altana (+2%) e Adidas (+1,9%). Infine ecco Wall Street, che dopo una partenza positiva, è girata in negativo sulle notizie delle compravendite di case nuove.