Brilli alla guida, la galera resta un miraggio

Il caso Ahmetovic, il rom che nell’aprile scorso uccise quattro minorenni di Appignano del Tronto guidando ubriaco, doveva essere lo spartiacque. Dopo quella tragedia il governo portò le pene da uno a sei mesi di carcere per la guida in stato di ebbrezza. Legge restata lettera morta: il 15 luglio 2007 Corrado Alvaro, trentenne torinese, travolse e uccise ubriaco una sedicenne. Fu scarcerato dal tribunale del riesame. Il giorno di Natale invece un 32enne di Grumello del Monte, ubriaco, sterminò alla guida del suo suv la famiglia Chizzoli (padre, madre e due figlie) in un scontro frontale. Non fece un solo giorno di carcere.