Brindisi, muore durante la risonanza magnetica

Un finanziere in congedo di 46 anni è deceduto in una clinica privata, mentre si stava sottoponendo a una risonanza magnetica. Fatale potrebbe essere stato il liquido iniettato prima dell'esame

Brindisi - Un finanziere in congedo è morto mentre si stava sottoponendo a una risonanza magnetica. Subito sono scattate le indagini dei carabinieri per accertare le cause del decesso di Luigi Latino, 46 anni, avvenuta nella clinica privata "Salus" di Brindisi. Si sta valutando l'ipotesi che la morte possa essere stata provocata dal liquido di contrasto che si inietta per effettuare l'esame diagnostico. Non appena iniettato il liquido, l'uomo è stato sottoposto alla risonanza magnetica e, mentre era in corso l'esame, è stato colto da malore. Sul posto è intervenuto anche un rianimatore, ma per l'uomo non c'è stato nulla da fare. Sarà l'autopsia a stabilire esattamente le cause della morte e, soprattutto, se vi sia un nesso fra il decesso e l'iniezione del liquido di contrasto fatta alla vittima prima dell'esame.