Brindisi in piazza fra carabinieri e ambulanze

(...) per via Cairoli fino a piazza Soziglia, piazza Giustiniani, San Donato, piazzetta delle Erbe, De Ferrari e il clou di piazza Matteotti. Cintura e pancia dei carruggi genovesi in festa a Capodanno in tutta sicurezza.
Ieri mattina il prefetto Giuseppe Romano e il sindaco Beppe pericu hanno presentato il programma di prevenzione e controllo per la notte di San Silvestro. Come per gli altri anni è stata organizzata una multi task force con agenti di polizia, carabinieri, guardia di finanza e vigili urbani, che sorveglieranno, in maniera discreta, i festeggiamenti nel centro cittadino.
Sono previsti tre camper dell'Arma in piazza Caricamento, de Ferrari e Matteotti, come presidio di prevenzione, e circa 120 uomini.
La metà saranno a disposizione in piazza Caricamento come unità di rinforzo fissa, disponibili a intervenire in caso di tafferugli ed emergenze. L'altra metà sono stati suddivisi in circa trenta pattuglie che, a piedi, gireranno nei vicoli del centro storico. La questura e il comando provinciale dei carabinieri, inoltre, hanno rinforzato anche il numero delle pattuglie in auto. I vigili della polizia annonaria, poi, controlleranno i venditori ambulanti. Quest'anno il Comune ha infatti deciso di limitare l'esercizio di questi soggetti, nella prima notte dell'anno, soltanto in piazza Dante e in piazza Caricamento.
«Le attività di prevenzione - aggiunge il prefetto Romano - si sono già iniziate nelle scorse settimane con il controllo dei fuochi artificiali e un lavoro di intelligence della guardia di finanza che ha sequestrato alcuni quintali di materiale abusivo. Con il piano operativo studiato in questura vogliamo garantire la massima tutela ai genovesi e ai turisti che desiderano partecipare al ricco calendario di manifestazioni in programma per la notte di san Silvestro».
Non sono previste preventive chiusure del traffico veicolare, ma, in caso di necessità, iniziative potranno essere prese per agevolare il flusso e il deflusso dei partecipanti alla festa nel centro storico. Informazioni sulla viabilità, sullo svolgimento delle manifestazioni, oltre agli appelli a non utilizzare bottiglie e bicchieri di vetro, come sempre vietati anche nei bar dei carruggi, compariranno sia sui pannelli luminosi installati in città, sia su quelli in prossimità dei caselli autostradali. La Croce verde genovese si occuperà di intervenire in caso di necessità attraverso una mezza dozzina di ambulanze collocate in quattro presidi, intorno a piazza De Ferrari, Fossatello, Banchi, Porto Antico, alle quali va aggiunto l'allestimento in piazza Caricamento di una tenda da campo come punto medico avanzato e ulteriori 3 ambulanze attrezzate a centro mobile di rianimazione.
Il piano operativo di Amiu prevede poi l'utilizzo, durante la notte dei festeggiamenti, di 4 operatori divisi in due squadre, una in piazza delle Erbe e l'altra in via Gramsci, dotato di minicompattatori e piccole spazzatrici, e l'installazione di 35 extra cassonetti e 20 campane per la raccolta di plastica e vetro. La mattina del primo gennaio, inoltre, verranno utilizzati altre 4 spazzatrici grandi, 4 medie, 4 piccole, un compattatore maxi, uno medio e 7uno piccolo, un paio di cassoni per la raccolta di rifiuti ingombranti, 17 autisti, 52 operatori ecologici e un paio di dirigenti responsabili. Nelle notti successive è previsto anche l'incremento del personale addetto ai lavaggi stradali.