Broglia sconfitto Naro commissario

C’è chi la chiama «dialettica», e chi invece preferisce definirla più concretamente «guerra». In ogni caso, all’interno dell’Udc genovese c’è parecchio fermento che stenta ancora a trovare un assetto definitivo. Le grandi manovre più recenti riguardano la posizione precaria di Fabio Broglia, consigliere regionale che, dopo l’adesione al partito da parte di Nicola Abbundo e Matteo Marcenaro, colleghi della Sala verde (provvisoriamente trasferita in Provincia per lavori in corso), sarebbe rimasto volentieri capogruppo o, in subordine, avrebbe formato un nuovo gruppo «single». Opportunità che, dopo un tira e molla con il presidente del consiglio regionale Mino Ronzitti e il segretario nazionale dell’Udc Lorenzo Cesa, si è chiuso con la decisione di tenere dopodomani una riunione per dirimere la questione una volta per tutte. Ma i giochi sono già fatti: un solo gruppo in consiglio, con Abbundo capogruppo, Broglia e Marcenaro consiglieri. Altro dispiacere ha procurato a Broglia la situazione a livello di segreteria provinciale (che egli stesso guidava). Cesa, infatti, ha nominato il senatore Giuseppe Naro commissario Udc per la provincia di Genova. Cesa - riferisce una nota del partito - ha dato anche mandato a Naro di «provvedere, nell'immediato, a costituire un ufficio politico collegiale che coinvolga tutte le sensibilità e che renda sin da subito operativo il partito, in vista di una fase particolarmente ricca di appuntamenti, proprio in virtù delle elezioni amministrative, dalle quali l'Udc si attende un consolidamento e un avanzamento in termini di consensi».