Bruciate sei auto e uno scooter

Il primo attentato contro i parcheggi della parrocchia di San Bernardo avvenne nel luglio del 2003 quando un rogo distrusse tre auto di proprietà dei sacerdoti e uno scooter nel parcheggio della Caritas, a destra della chiesa. La notte tra il 3 e il 4 gennaio l’episodio si ripete. Vanno a fuoco le vetture di don Paolo Gastaldi e di don Luca Ciotti e quella di un carabiniere, posteggiate nel cortile dell’oratorio, dall’altro lato della chiesa. Le fiamme divorano anche la pensilina, determinando alla fine danni anche piuttosto consistenti. E a distanza di un paio di settimane alcune persone sono entrate nel cortile della Caritas e, dopo aver forzato il cancello d’ingresso, hanno tagliato due gomme ciascuna delle auto di due volontari.