Brugnetti cerca il primo podio azzurro

da Osaka

Subito fuochi d’artificio ai mondiali di atletica di Osaka con i quarti dei 100 metri maschili (ore 13.15 italiane). Nella notte partenza con le donne jet: insieme alle principesse della specialità, Gevaert, Sturrup, Campbell e il trio americano Felix, Edwards e Williams, anche un gruppo di cenerentole. Il mappamondo della velocità non conosce confini: l’afghana Fatima Muhammadi che non presenta nemmeno un tempo di qualificazione, Barbara Rustignoli, nome italiano (le azzurre sono assenti) ma passaporto di San Marino e tempo personale da mani nei capelli (13”25), una ragazza dello Yemen (13”81, non c’è di peggio), di Vanuatu e della Micronesia.
La truppa azzurra comincerà ad alzare le antenne proprio stanotte, quando in Italia sarà l’una di domenica mattina e i «velocisti» della 20 km di marcia prenderanno il via. Tre azzurri in gara: Brugnetti, Schwazer e Rubino. Brugnetti, papà da 5 mesi, ammicca al podio. Schwazer proverà a far la gara senza dimenticare che il suo obbiettivo è la 50 km. Spesso la marcia italiana porta medaglie. Unico problema il caldo umido che non aiuta mai. Altri azzurri in gara oggi: Vizzoni nel martello, Cusma e Mutola negli 800 metri femminili, Donato nel triplo, Carabelli nei 400 ostacoli. Stanotte Legnante e Rosa nelle qualificazioni del peso donne. In pedana i nostri pesi da novanta con Chiara Rosa, primatista italiana, che si leva uno sfizio: «Forse è il primo anno in cui faremo paura alle altre».
Intanto il Cio annuncia tempi duri sul fronte doping. Parola di Jacques Rogge, presidente del Comitato olimpico con l’intento di appoggiare la linea dura dell’atletica che ha chiesto sospensioni di 4 anni alla prima infrazione grave. Il Cio, infatti, ha proposto una sospensione automatica dopo la prima positività e ha deciso di vietare le Olimpiadi di Pechino agli atleti sospesi per un periodo superiore ai sei mesi. Inoltre il Cio incoraggerà gli atleti «pizzicati» a negoziare una pena minore in cambio della denuncia dei fornitori delle sostanze vietate. In questi mondiali sono previsti circa 500 test del sangue e 600 antidoping.

Tv Eurosport e Raidue: ore 10-12.35; 14.20-15.30. Stanotte: ore 0.55-6.30.