Brunetta: Onda? Ragazzi, ma si credono guerriglieri

Il ministro: "Quegli studenti sono guerriglieri e vanno trattati come tali. Per fortuna l'Onda non c'è nelle elezioni studentesche". Polemico il Pd: "Il governo si scusi". Poi la rettifica: "Sono solo ragazzotti"

Roma - A la guerre comme à la guerre. Gli studenti dell’Onda sono dei "guerriglieri e verranno trattati come guerriglieri". Lo ha detto il ministro della Pubblica amministrazione e l’innovazione Renato Brunetta, al termine di una conferenza stampa a Palazzo Chigi tenuta insieme alla collega della scuola, Mariastella Gelmini. A chi faceva notare al ministro che nella scuola la protesta sta montando, il ministro ha risposto: "Non vedo molta protesta, vedo ogni tanto delle azioni di guerriglia da parte della associazione Onda. Ma vedo - ha aggiunto - che nelle votazioni degli organi di rappresentanza degli studenti l’Onda non esiste. Sono un democratico e quindi credo molto più al voto che alle azioni azioni di guerriglia. L’Onda non l’ho vista nelle recenti elezioni degli studenti - ha insistito Brunetta - quindi sono dei guerriglieri e verranno trattati come guerriglieri".

Poi la rettifica "Mi sono sbagliato" rettifica qualche ora dopo il ministro. "Non hanno la dignità di guerriglieri, che sono una cosa seria: sono solo quattro ragazzotti in cerca di sensazioni". Ma su eventuali ripensamenti sulle sue frasi, Brunetta ha chiarito: "Ma quale passo indietro? Ieri a Roma ci sono state cariche e scontri perché un gruppo di giovani un po' estremisti hanno infranto delle regole che la città si era data nel definire le manifestazioni. Come si definisce chi infrange le regole, chi fa violenza sulle strade e costringe la polizia a scontri che ha altro da fare?. Io sto dalla parte dei poliziotti, dell’ordine pubblico, delle regole, di chi vuole manifestare legalmente e democraticamente, dalla parte dei rappresentanti degli studenti, non di questi signori che per avere una qualche visibilità usano la violenza. Sto dalla parte della democrazia, non della violenza".

Il riflusso dell'Onda "Questo governo ha sempre di più una vocazione a utilizzare mezzi e parole di carattere militare come dimostrano le dichiarazioni del ministro Brunetta". Così Francesco Brancaccio, esponente dell’Onda romana, risponde al ministro. Brancaccio intravede nelle parole del ministro "il segnale di una volontà generale di dare risposte militari e repressive alle nostre istanze legittime". E, a nome degli studenti della Sapienza, promette: "Senza avere paura continueremo a mobilitarci contro questo che è il governo della paura per antonomasia: l’esecutivo dimostra di non essere capace di gestire la crisi economica, di avere paura che il malcontento esploda e, per questo, vogliono incutere timore nei cittadini. Per quanto riguarda Brunetta, lui si definisce democratico. Evidentemente, per il ministro la democrazia equivale a blindare le università e a prendere a manganellate gli studenti".

Polemico il Pd "Il ministro dell’Istruzione chieda scusa, per conto del governo, per le parole dissennate pronunciate dal suo collega Brunetta: il ministro Gelmini, che conosco come persona moderata, sa bene che gli studenti rappresentano il futuro di questo Paese e che ascoltarli e dare risposte anche quando protestano, senza mai giustificare le violenze, è un dovere". Lo dice il responsabile educazione del Pd, ed ex ministro della Pubblica istruzione, Giuseppe Fioroni, che aggiunge: "Ma additare genericamente come guerriglieri gli studenti, soffiando sul fuoco e fomentando gli animi, è un atteggiamento irresponsabile del quale il ministro Gelmini non può rendersi spettatrice passiva".

Ferrero: "Il ministro? Provocatore" "Che il ministro Brunetta sia un provocatore non mi stupisce, ma che ora vesta i panni anche del manganellatore rispetto agli studenti dell’Onda caricati dalla polizia ieri a Roma e che lui ritiene dei guerriglieri che come tali vanno trattati, la dice lunga sull’idea di democrazia, libertà e rispetto del dissenso di Brunetta e del governo di cui fa parte". Lo afferma Paolo Ferrero, segretario del Prc, che aggiunge: "La verità è che il governo delle destre sta attentando al diritto di manifestare così come attenta al diritto di sciopero, in puro stile anni Cinquanta, e che usa la polizia come la usava allora il ministro degli Interni Scelba, a puro scopo repressivo".