Brunetta: "Ora premi solo ai più bravi"

Si apre la fase due della riforma della pubblica amministrazione. Dopo la caccia ai "fannulloni" arrivano i bonus per i più meritevoli. Verrà premiato chi lavora "bene, con
coscienza e che fa gli interessi dei cittadini che sono i clienti finali"

Roma - Mai più premi distribuiti a pioggia. Ora verranno assegnati solo a chi realmente se lo merita, ai più bravi. Scatta la "fase 2" della riforma della pubblica amministrazione. Dopo il "bastone" contro i fannulloni, arriva la dolce carota per i meritevoli.

Soddisfazione del cliente e aumento della produttività "La prossima settimana - ha detto il ministro per la pubblica amministrazione, Renato Brunetta -, avremo il regolamento di un concorso per chiedere a tutti gli uffici che hanno un progetto di miglioramento, riduzione costi, soddisfazione del cliente e aumento della produttività di conoscerlo. Saranno valutati ed eventualmente finanziati. E questo d’ora in poi sarà il criterio per l’erogazione della risorse della contrattazione integrativa".

Eccellenza Ma nel frattempo, a titolo esemplificativo, il ministero proprio oggi ha messo on line sul sito i primi cento casi di eccellenza. Storie di successo già in archivio e che già sono state valutate, la prossima settimana se ne potranno visionare altre cento e così via fino ad arrivare a mille a fine anno. Solo allora sarà possibile anche fare una graduatoria, avendo il quadro più completo. "Apriamo, dunque, una corrispondenza: chi ha in corso un progetto di miglioramento si mostri, ce lo faccia sapere", ha spronato Brunetta.

"Essere al lavoro è il minimo!" Dunque, niente più premi per il solo fatto "di essere presenti: è il minimo!", ha affermato il ministro spiegando che il solo obiettivo non era la campagna di moralizzazione del lassismo, seppure necessaria, ma ora va premiata la gente che lavora "bene, con coscienza e che fa gli interessi dei cittadini che sono i clienti finali". I premi saranno individuali e d’ufficio.

Guardia alta sul lassismo
Nel frattempo proseguirà anche "il bastone": continua, infatti, il monitoraggio sull’assenteismo. "Ci saranno nuovi dati entro la prima decade di ottobre riferiti a settembre e - ha osservato - ne vedremo delle belle". E prosegue pure la lotta contro gli sprechi: la prossima settimana saranno sempre on line i dati sulle consulenze 2007. Il nuovo meccanismo premiale partirà dal 2009, nell’ambito del rinnovo contrattuale, così come la class action. Entro metà mese, infine, si concluderà il concorso delle vignette contro il ministro.

"Contratti, 2,8 miliardi per i rinnovi" "Al momento ammontano a 2,8 mld di euro le risorse per i rinnovi contrattuali del pubblico impiego". Il ministro Brunetta, risponde così ai giornalisti che gli chiedono se sia ipotizzabile un ulteriore stanziamento di fondi in Finanziaria. Ai 2,8 mld "si aggiungono i fondi della contrattazione di secondo livello", che, annuncia il ministro, con il nuovo contratto verranno distribuiti con un sistema premiale e non più a pioggia. Le risorse al momento disponibili, ribadisce Brunetta, "consentono un rinnovo onesto per il biennio 2008-2009". Il governo punta achiudere la vertenza entro fine anno.