Bruno Dumont, il regista-filosofo

Continua con successo la programmazione del «Centre culturel français de Milan» di corso Magenta 63 con una rassegna dedicata a Bruno Dumont, invitato a Milano per un incontro con il pubblico mercoledì 20 dicembre. Insegnante di filosofia, Bruno Dumont inizia girando film documentari e cortometraggi. Nel suo primo lungometraggio, La vie de Jésus, Dumont si ispira alla sua cittadina natale Bailleul, nel nord della Francia, con l'intento di mostrare una realtà aspra e violenta, impostazione estetica che sarà sempre presente nel suo cinema. Il film riceve una Mention spéciale Caméra d'or al Festival di Cannes del 1996 e l'anno dopo il Prix Jean Vigo. Dumont gira nel ’99 il suo secondo film L'humanité, grazie al quale vince il Grand prix du Jury a Cannes. Nel 2003 si trasferisce in California per realizzare Twentynine palms, un road-movie crudo e problematico. Nel 2006 torna alle sue origini nordiche girando Flandres, il dramma dei lavoratori della terra durante la guerra, con il quale vince ancora una volta il Grand prix du Jury a Cannes. Mercoledì 20 dicembre alle ore 20 al «Centre culturel français de Milan» di corso Magenta 63 è in programamzione Flandres: sarà presente l'autore, Bruno Dumont. Ingresso libero. Info, tel.024859191.