Una brutta Roma vince ancora, Lazio travolta anche dalla Samp

OLIMPICO I Giallorossi battono il Palermo con due gol sporchi di Totti e Brighi. Ma i siciliani hanno a lungo dominato il gioco

La Roma vola, la Lazio sprofonda. Il turno infrasettimanale di campionato conferma il diverso momento delle due romane, anche se non si è trattato di una serata brillante. I giallorossi, infatti, hanno regolato all’Olimpico 2-1 il Palermo con due gol «sporchi» di Totti (al suo rientro) e Brighi - entrambi con deviazioni decisive di difensori siciliani - ma hanno giocato una delle peggiori partite di quest’anno all’Olimpico, subendo a lungo la supremazia di gioco e di occasioni da parte del Palermo, che per fortuna della banda di Spalletti si è concretizzata solo nel temporaneo pareggio di Cavani. E a un certo punto l’Olimpico ha accennato anche qualche fischio nei confronti di una squadra comunque capace di vincere quattro partite in quindici giorni e di arrivare a un solo punto dal quarto posto e dal Genoa. Insomma, di buono resta solo il risultato in una partita che pure la Roma ha anche rischiato di chiudere con due occasioni colossali per Vucinic e De Rossi.
Solo broncio invece per la Lazio, sconfitta per 3-1 a Genova dalla Sampdoria dopo un buon primo tempo, concluso sull’1-1 per i gol di Delvecchio e Rocchi (peraltro splendido). Poi all’inizio del secondo tempo l’impietoso uno-due della Samp con l’ex romanista Cassano e con Stankevicius, e un finale nervoso con tanti cartellini gialli (tra i biancocelesti ammoniti Dabo, Pandeve e Foggia). E a Formello le prossime ore saranno prevedibilmente calde.