Bruxelles avverte l'Italia: "Entro il 2012 riportare il deficit sotto il 3%"

Mercoledì la Commissione Ue presenterà un documento per chiedere all'Italia riportare il deficit entro la soglia del 3% del pil
previsto dal Patto di stabilità. Per farlo il Belpaese avrà tempo fino al 2012

Bruxelles - I conti pubblici italiani preoccupano l'unione europea. E Bruxelles invita il governo a far rientrare il debito nella soglia del 3 per cento entro il 2012. Un po' in tutta l’Eurozona i disavanzi sono, infatti, esplosi a causa delle misure straordinarie di stimolo messe in campo per contrastare la crisi finanziaria.

Il monito di Bruxelles L’Italia avrà tempo fino al 2012 per riportare il deficit entro la soglia del 3% del pil previsto dal Patto di stabilità. È quanto chiede la Commissione europea in un documento che sarà presentato mercoledì prossimo a Bruxelles, e che indicherà a 14 Paesi le date di rientro dei deficit. Un po' in tutta l’Unione Europea i disavanzi sono esplosi a causa delle misure straordinarie di stimolo contro la crisi. Nelle previsioni economiche d’autunno la Commissione ha previsto per l’Italia un deficit a politiche invariate sopra il 5% del Pil tra il 2009 e il 2011.