Buccinasco Asilo nido in una ex villa dei boss

(...) In solo due anni l’amministrazione comunale di Buccinasco è riuscita ad assegnare tutti i beni confiscati ad associazioni con finalità non profit e sociali. «Questo asilo nido - ha detto il presidente Formigoni - offre un servizio pubblico di grande valore umano e formativo per tutti, reso ancora più solenne dal fatto, appunto, che l'edificio rientra in quelli confiscati alla criminalità organizzata per essere restituiti alla collettività».
«Quale scelta migliore - ha aggiunto il presidente - che decidere di realizzare un nuovo servizio educativo per la prima infanzia? Un servizio che risponde alle esigenze dei bambini e delle loro famiglie, anche attraverso la sperimentazione di forme di accessi e di orario flessibili, con particolare attenzione alle madri che lavorano. E questo avviene in un comune che da anni fa registrare un notevole numero di nascite».
Nello specifico l'asilo, messo a norma con tecniche e impianti a «impatto zero», si sviluppa su due piani. Ci sono dunque la zona accoglienza, otto classi, la zona pranzo, due zone attività, la zona nanna, spazi per il gioco libero (anche con angoli didattici), i servizi sia dei bambini che degli adulti e la parte dedicata ai pasti e alla merenda. Completa il quadro un grosso giardino dove i piccoli, oltre a divertirsi sui giochi di plastica, potranno anche svolgere laboratori che stimolino la curiosità e il rispetto verso la natura.