Bullo di quartiere a diciassette anni rapina i coetanei di cellulari e piumini

A soli 17 anni è diventato il bullo del quartiere di San Fruttuoso: avvicina ragazzini per strada, li obbliga con minacce a salire sulla sua auto, li porta in vie secondarie e li deruba di cellulari, portafogli e finanche dei giubbotti. Per due rapine a quindicenni, oltre che per spaccio di alcuni grammi di hascisc, i poliziotti del commissariato di San Fruttuoso lo hanno arrestato su ordine di custodia del tribunale per i minorenni. Sono una decina le rapine a ragazzini del quartiere di San Fruttuoso sulle quali indagano gli agenti del commissariato di quartiere, aggressioni avvenute dall'inizio dell'anno scolastico ai primi giorni di gennaio. Gli investigatori hanno raccolto elementi a carico del diciassettenne per due episodi, accaduti durante le festività natalizie. In un caso la vittima, un ragazzino di 15 anni, è stato portato sulle alture del quartiere, derubato del piumino e lasciato al freddo con solo il maglione indosso. Il diciassettenne, appartenente ad una famiglia normalissima, è stato arrestato in flagranza per lo spaccio di hascisc e qualche giorno dopo ha ricevuto in carcere l'ordine di custodia cautelare per le rapine.