Bunker rossoblù: gioca Lamacchi

Giovanni Porcella

La rifinitura è appena finita. Attilio Perotti anche se non è giornata di colloqui con la stampa si avvicina alla griglia del «Signorini» e con un sorriso tirato dice: «Andiamo in ritiro, dai frati Cappuccini così non ci disturba nessuno».
È una battuta, la comitiva rossoblù ha trovato alloggio a Marina di Massa, per stemperare una tensione che c’è per forza, visto che questa partita per il Genoa arriva giù come una valanga.
Perotti ribadisce che la squadra si è allenata male con tre giorni di attesa frenetica, ma sembra non avere paura. È tutto qui, ormai si gioca. Marco Rossi è un po zoppicante, ma lui stesso fa capire che ci sarà, come dovrebbe tornare in campo dopo quattro mesi di stop dovuto al suo litigio con Valvassori Lamacchi. Infine Moretti verrà spostato a centrocampo e le due punte saranno Iliev e Grabbi. Perotti ha preparato un piccolo bunker abbandonando l’idea di riproporre un 4-3-3 sulla carta troppo disinvolto. Eppure sono solo ipotesi perché il braccio di ferro con Soda è fatto oltre che di silenzi, anche di pretattica. Angelo Fabiani oltre ad un lodevole appello affinché vinca lo sport ha inquadrato così il match: «Loro aspettano da anni questo incontro. Per lo Spezia è la gara della vita. Vincere col Genoa, per loro, fatte le debite proporzioni, è come battere il Real Madrid. Ne siamo consapevoli. Per questo con tutte le difficoltà che abbiamo avuto fin qui, con i punti di penalizzazione avuti, se vinceremo questo campionati è come se ne avessimo vinti due». Questa la probabile formazione del Genoa: Scarpi, Ambrogioni, Baldini, Bacis, Fusco, Lamacchi, Rossi, De Vezze, Moretti, Iliev, Grabbi.