La buona tavola? Cibo fresco verdura e frutta. E cresce anche il business del vino

TuttoFood, in corso fino all'11 maggio in Fiera Milano è un grande hub di tendenze e novità. Fruit&Veg Innovation mette al centro l'ortofrutta. Coldiretti: consumi in aumento con l'oscar che va ai radicchi. Wine Discovery by Vinitaly presenta le eccellenze italiane, export in crescita: Usa, Germania e Regno Inito primi mercati

Cibi freschi, senza rinunciare alla carne e il classico bicchiere di buon vino… fra nuove esigenze e gusti che si stanno affermando è questo il trend che emerge a TuttoFood, il salone internazionale dell’agroalimentare in corso fino all’11 maggio in Fiera Milano. E’ la ricerca della “buona tavola” ad affermarsi in uno scenario espositivo dove il business cresce spinto da un format che funziona come moltiplicare di opportunità ed è connotato dalla qualità dei prodotti (che è declinata anche dalla qualità degli stand degli espositori).

A proposito di “fresco”, nel primo bimestre di quest’anno, secondo dati di Coldiretti, sono aumentati i consumi di ortofrutta e l’oscar va ai radicchi, cresciuti dell’11%, seguiti da kiwi, patate, insalate e pomodori con l’8% e dai carciofi con il 7%. Concorda anche la ricerca consumer realizzata da Sgmarketing per TuttoFood, presentata nell’ambito della Retail Academy rivolta in particolare a grande distribuzione organizzata e Retail.

L’8% degli italiani si dichiara vegetariano o vegano e si prevede che nei prossimi 2-3 anni cresceranno il consumo di legumi (da 8,6 a 9,8 volte al mese) e del pesce (da 6,2 a 7,3). Gli atteggiamenti di consumo si dividono principalmente in contemporaneo (36,7%), esperto (23%), responsabile (21,4%) e distaccato (18,9%). Tra i criteri di scelta per la verdura spiccano la stagionalità (48,6%), il prezzo (45,3%) e la freschezza (44,4%).
E non è un caso che Fruit&Veg Innovation, il salone della frutta e verdura nato dall’alleanza strategica con Veronafiere offra alle aziende dell’ortofrutta un’occasione unica per nuovi contatti d’affari, in particolare nei rapporti con settore del fuori casa e lquello gdo & retail, aprendosi anche a orizzonti internazionali.

Molto interesse anche per l’altra iniziativa nata dall’accordo con Veronafiere, Wine Discovery by Vinitaly, dedicata a un altro settore in forte crescita. Nel 2016, sempre secondo Coldiretti, il fatturato del vinicolo è cresciuto del 3% superando la barriera dei 10 miliardi di euro (10,1) soprattutto grazie alle esportazioni che hanno raggiunto il massimo di sempre a 5,6 miliardi (+4%). Le vendite sono salite in valore del 6% negli Stati Uniti, primo mercato, seguiti dalla Germania (+2%) e dal Regno Unito (+2%). Le due biblioteche del vino, evoluzione di un concetto nato in occasione di Expo 2015, offrono una panoramica completa e ragionata dei bianchi e rossi di tutte le regioni italiane e consentono agli operatori anche di altre filiere di avvicinarsi al comparto vinicolo attraverso degustazioni, un’enoteca con servizio di sommelier e incontri di approfondimento curati da formazione con i wine expert e i wine ambassador diplomati alla Vinitaly International Academy.

La strategia di alleanze che consente a TuttoFood 2017 di offrire le risposte più efficaci a tutte le tipologie di operatori delle diverse filiere sta raccogliendo i suoi frutti. Di particolare interesse, oltre alle novità nel fresco e nel vino, le co-location con Spazio Nutrizione, il più importante appuntamento scientifico sulla nutrizione in Italia e con Seeds&Chips, il forum globale delle tecnologie avanzate applicate all’agroalimentare.

Fuori dai cancelli della fiera, a Milano, prosegue intanto il successo di pubblico per gli appuntamenti di Week&Food, il “fuori salone” che sta portando l’innovazione di TuttoFood direttamente al consumatore finale in alcune delle location più di tendenza della città.
Informazioni:
TuttoFood: www.tuttofood.it, @TuttoFoodMilano, #TUTTOFOOD2017
Spazio Nutrizione: www.spazionutrizione.it
Seeds&Chips: www.seedsandchips.com
Week&Food: www.weekandfood.it