«Buono mamma» al posto dell’asilo

Di asili nido ce ne sono pochi, quelli privati costano parecchio. Alleanza nazionale ha deciso di presentare una proposta di legge regionale per aiutare quelle mamme che rinunciano a tornare a lavorare per accudire i loro bambini senza mandarli al nido. «Un assegno da 517 euro al mese - spiega il capogruppo in Regione, Gianni Plinio - per quelle donne che non tornano a lavorare nei primi tre anni di vita del bambino. Si tratta di un intervento innovativo, per sostenere la famiglia e valorizzare il ruolo della mamma nella cura, nella formazione e nell’educazione dei figli. Tra l’altro alla Regione i contributi agli asili nido costano di più».
Una proposta di legge analoga è stata presentata anche in Lombardia. Ma Plinio premette subito che non vuole essere un’iniziativa di parte. Tiene troppo alla possibilità che la legge riesca a essere approvata senza pregiudizi politici. «La nostra proposta è aperta ai contributi integrativi e migliorativi di tutti quei gruppi politici che, al di là delle logiche di schieramento, intendano fornire risposte utili e concrete alle esigenze delle famiglie liguri», precisa il capogruppo di An.