Burlando usa la fantasia: mette nuove tasse

Paola Setti

Claudio Burlando il presidente della Regione ha l’aria di uno che «ma come ho fatto a non pensarci prima». La Finanziaria manda in fallimento i Comuni e in tilt lo sviluppo delle Regioni? Lui s’è messo di buona lena, ha cercato le soluzioni che definisce «alternative», poi ha chiamato i parlamentari liguri di centrodestra e di centrosinistra e ha chiesto loro di farsene promotori presso il governo. Un’idea è questa: usare il trattamento di fine rapporto dei lavoratori per fare le infrastrutture. In verità Romano Prodi ci aveva già pensato nel momento in cui in Finanziaria ha scritto che il Tfr non è più delle imprese ma dell’Inps. Burlando ora gli lancia l’appello a tenere duro, e, nel caso, a recuperare le risorse in altro modo. La seconda idea è di quelle geniali: al governo, Burlando chiede di poter aumentare di 10 o 20 centesimi i pedaggi dei 93 milioni di transiti annui sulle autostrade liguri (...)