Bus a Ponte di Nona, la replica di Atac

Riceviamo e pubblichiamo
_________________
«In relazione all’articolo apparso giovedì su “Il Giornale”, Atac spa precisa quanto segue. La ristrutturazione della rete dei bus della zona di Ponte di Nona è stata elaborata assieme al Municipio del territorio. I criteri che sono stati scelti sono analoghi a quelli utilizzati per le altre zone lontane dal centro ma vicine a una infrastruttura di trasporto su ferro: ovvero creare delle linee locali che dai nuovi quartieri arrivino a una stazione ferroviaria. Nel caso di Ponte di Nona si è scelto di modificare la linea 055 (Lunghezza-stazione Finocchio-stazione Grotte Celoni) per collegare Ponte di Nona alla stazione Lunghezza e di prolungare la linea 056 per portare i cittadini di Ponte di Nona alla ferrovia Roma Pantano. La nuova rete dei bus permetterebbe di avere linee il cui funzionamento non viene influenzato dal traffico sulle vie in entrata e in uscita da Roma e che arrivano in breve tempo alle due ferrovie (Fr2 Roma - Guidonia - Tivoli) e Roma Pantano. Avere linee di bus molto lunghe (nell’ordine dei 20/25 chilometri) che collegano quartieri dell’estrema periferia al centro, infatti, non è conveniente per gli stessi utenti visto il grado di inaffidabilità dovuto al traffico. Tuttavia, considerata anche l’apertura del nuovo centro commerciale, stiamo studiando la possibilità di mantenere la linea all’interno transitando per piazza Lorenzo Nottolini per poi raggiungere il centro commerciale creando un ulteriore collegamento a Ponte di Nona. Per quanto riguarda il sito Internet www.atac.roma.it, il servizio “cercapercorsi” fornisce informazioni in ragione dell’offerta, dell’ora e della giornata di consultazione. Nel caso specifico citato dall’articolo, se si seleziona l’itinerario da piazza Venezia a Ponte di Nona, durante il giorno viene indicato di usare la linea 70 sino a via Giolitti, la ferrovia Roma-Pantano e la linea 056. Se invece lo si fa di notte, ad esempio quella di Ferragosto, l’indicazione sarà quella di utilizzare una linea notturna per poi percorrere un tratto a piedi».