Bush non esclude l’uso dell’atomica

Washington. L’Amministrazione Bush sta pianificando un attacco su vasta scala contro l’Iran per fermare il suo programma nucleare. Lo scrive il settimanale «New Yorker», secondo cui cresce fra i militari americani e nella comunità internazionale il convincimento che il vero obiettivo di Washington sia il rovesciamento del regime di Teheran. Il presidente Bush e alcuni suoi collaboratori considerano il presidente iraniano Ahmadinejad un potenziale nuovo Hitler e temono che possa scatenare una guerra mondiale. «Assolutamente convinto» che l’Iran avrà la bomba atomica se non sarà fermato, Bush valuta diverse opzioni militari contro Teheran; una di queste prevede l’uso di una bomba nucleare tattica per distruggere l’impianto nucleare sotterraneo di Natanz, costruito sotto oltre 20 metri di terra e roccia.