Bustarella per cancellare le tasse

Un professionista milanese che stava pagando una tangente di 10mila euro a un funzionario dell’Agenzia delle entrate per aver fatto «sparire» dal sistema informatico un debito tributario di circa 100mila euro, è stato sorpreso in flagranza dai militari della Guardia di finanza che lo stavano pedinando. I due sono stati entrambi arrestati l’altra sera sera a Crema (Cremona). L'operazione della quale ha dato notizia il comando del nucleo provinciale della polizia tributaria di Milano aveva preso le mosse da una «ipotesi di indebito annullamento» denunciata dalla Direzione regionale dell’Agenzia. Le indagini della Gdf hanno permesso di individuare non solo il pubblico funzionario che aveva violato il sistema informatico, ma anche quella di un professionista che aveva commissionato l'operazione illecita. I due, dei quali non sono stati resi i nomi devono rispondere di corruzione.