Buste, Quagliarella all'Udinese. E l'Inter ora ci riprova con Eto'o

I nerazzurri ripropongono al Barcellona lo "scambio" con Adriano per ottenere l'attaccante camerunense. A Lione confermano che il centrocampista Tiago è della Juventus

La conferma di Pizarro alla Roma è diventata ufficiale, ieri mattina, alla riapertura di piazza Affari. Nota scritta con cifra ufficiale: valore dell’operazione 5,75 milioni di euro da corrispondere in tre rate. Per Chivu interista invece bisogna attendere lunedì 2 luglio: nel frattempo è possibile limare tutti i dettagli dell’operazione che verrà iscritta, di qui la smentita di ieri e lo slittamento dell’accordo, nel secondo semestre 2007. La Roma, nel frattempo, può dedicarsi alla sostituzione del difensore romeno con Juan, già segnalato a suo tempo.

Branca in Spagna L’Inter non si arrende. E nonostante la dichiarazione di Eto’o («resto a Barcellona, aspetto Henry»), con Branca, inviato in Spagna, prova a sondare il terreno per vedere di concludere la doppia operazione di portare Adriano in quel campionato e il camerunense ad aprire un negoziato col club campione d’Italia. L’altra soluzione alternativa è Tevez, raccomandato da Xavier Zanetti, il capitano.

Pressing su Suazo Massimo Moratti non si arrende. «Ci batteremo fino alla fine» minaccia il presidente nerazzurro beffato da Galliani nella trattativa per il centravanti honduregno promesso all’Inter e poi, con un blitz, soffiato nella notte tra lunedì e martedì scorso. Nel frattempo Mancini, seccato con Branca accusato di essere il responsabile numero uno della figuraccia sul mercato, esercita pressioni telefoniche su Suazo, in Sardegna. Cerca di dissuaderlo dall’accettare il trasferimento in rossonero.
Il giorno decisivo è quello di oggi: previsto un summit tra Cagliari, il procuratore Branchini di ritorno dal Giappone e il Milan. Il ds del Cagliari, Nicola Salerno, non sembra avere dubbi: «Suazo firmerà col Milan». La differenza tra l’offerta dell’Inter e del Milan è molto consistente, non sul piano economico. Da una parte, partirebbe in panchina, dietro Crespo e Ibrahimovic. Dall’altra sarebbe titolare. «Con me gioca» manda a dire Ancelotti che già l’anno scorso segnalò la sua candidatura. Nel frattempo l’Ufficio indagini federale ha aperto il fascicolo sulla frase di Moratti «Abbiamo la firma di Suazo».

Ciclone Juve Juve superstar del mercato per un giorno. Dalla Francia giunge la conferma solenne: il centrocampista Tiago del Lione (classe 1981), portoghese di passaporto, è da considerare virtualmente bianconero. Lui e Almiron saranno la nuova coppia della Juve di Ranieri. Braccio di ferro invece col Real Saragozza per avere Gabri Milito, difensore che si è promesso al Real Madrid. Nel caso saltasse l’operazione, Calderon propone Cannavaro mentre invece a Blanc e Secco suggeriscono il nome di Pepe. Definiti altri movimenti dalla Juve, ieri pomeriggio: Balzaretti è diventato della Fiorentina, Nocerino è stato riscattato dal Piacenza insieme con Molinaro dal Siena, Kovac è stato dirottato al Borussia Dortmund.

Fotomontaggio Kakà Un altro caso diplomatico. Questa volta la responsabilità è di As, quotidiano sportivo di Madrid. Nella versione online pubblica una foto con Kakà che ha in mano una copia del giornale che festeggia lo scudetto del Real, lunedì 18 giugno. «È un fotomontaggio, Kakà è in ferie negli Usa, quello scatto fu eseguito ad aprile» protesta con una lettera ufficiale alla direzione del quotidiano il Milan. Che naturalmente coinvolge anche il Real Madrid, ispiratore occulto della campagna di stampa. Da Corigliano Calabro, suo paese, Gattuso festeggia la coppa dei Campioni e nel frattempo giura su Kakà, «resta» e manda anche un messaggio a Shevchenko, «spero che torni per dimostrare che la vecchia guardia è solidale con lui».

Toro, due colpi Prende fisionomia il Torino di Walter Novellino, il quale è già al terzo acquisto effettivo. Ha dapprima puntellato il centrocampo con Corini e adesso con Grella, proveniente dal Parma (che ha ritirato dal Palermo Parravicini), quindi ha dato il benestare per l’arrivo come centravanti di Ventola.

Quagliarella a Udine Sorpresa dalle buste. Quagliarella, finito alle buste tra Samp e Udinese, finirà a Udine. E forse, dietro il club friulano, c’è una grande. Qualcuno suggerisce l’Inter che potrebbe trasferire il napoletano subito ad Appiano Gentile. Le altre comproprietà sono finite così: Cassetti resta alla Roma, Makinwa alla Lazio e Comotto al Torino.