Buzzanca sogna palazzo Madama

Politica? No, grazie. O forse sì. Ma per un unico incarico: quello di senatore a vita. Lando Buzzanca (nella foto) giura che mai si lascerà trascinare nell’agone: «Mi hanno deluso tutti – dice –: destra e sinistra. La politica non fa per me, bisogna nascerci». Sola eccezione, palazzo Madama, come senatore a vita: «Potrei accettare, tra qualche anno - dice l’attore, reduce dal successo televisivo de I Viceré di Roberto Faenza - e state sicuri che starei là, in Parlamento, a lavorare tutti i giorni». Del resto Buzzanca sarebbe davvero bipartisan, a dispetto del suo lungo passato di simpatizzante di destra. Le sue preferenze di personaggi politici spaziano da Bertinotti a Veltroni, da Berlusconi («non è togato, non ha il martello, è libero, è il più democratico») al sindaco di Roma Gianni Alemanno. Pollice verso, invece, per Fini: «Mi ha deluso».