C’è la famiglia nel cuore degli svedesi

Quello tra Volvo e la famiglia è un rapporto solido, che ha già superato il mezzo secolo di vita senza che la casa svedese abbia mai dovuto modificare la filosofia costruttiva delle sue familiari. Le stesse versioni Cross country - Xc70 e Xc90 - a trazione integrale rappresentano delle evoluzioni del concetto «station wagon» che Volvo, come dimostra il best-seller V50, continua a declinare con successo nonostante il costante assedio al quale le familiari sono sottoposte da parte di Suv e monovolume.
Vincente resta la razionalità che ha ispirato la prima Duett a metà degli anni Cinquanta: sicurezza, affidabilità e comfort per i passeggeri abbinati a tanto spazio da destinare alle attrezzature per il tempo libero e per il lavoro. Certo l’evoluzione è stata profonda, soprattutto sul fronte del design e dei motori, sempre più potenti, che hanno aggiunto un valore alle vetture scandinave, oggi proposte con una gamma vastissima di propulsori premium, come il cinque cilindri a benzina da 200 cv o il D5 diesel da 185 cv montati sulla V70.
Costante, puntigliosa, quasi maniacale (ovviamente per ottimi fini) è stata l’evoluzione dei dispositivi di sicurezza per i bambini, i passeggeri più fragili, spesso trascurati proprio da noi latini e invece coccolati dai freddi uomini di Göteborg. Una pioggia di riconoscimenti in ogni parte del mondo continua a cadere sul più recente dispositivo messo a punto da Volvo per i piccoli passeggeri che non possono più essere ospitati nei seggiolini. È il Child Booster Cushion System, composto da due speciali cuscini, integrati nei posti laterali del divano posteriore, che permettono di sfruttare completamente la tenuta della cintura di sicurezza a due stadi evitando che il bambino ci scivoli sotto, come accade quando questo è seduto direttamente sul divano. In caso di urto laterale, poi, la massima protezione è garantita dall’airbag a tendina che è stato appositamente allungato verso il basso.
Costantemente affinata, parallelamente alla sicurezza, è la versatilità delle station wagon Volvo, da sempre ricche di soluzioni innovative per il carico e lo stivaggio dei bagagli, proposte di serie oppure selezionabili nel ricchissimo elenco degli accessori originali che consentono una personalizzazione su misura. Un’ottima alternativa per chi non vuole cimentarsi con gli ingombri di un grande Suv, ma non intende rinunciare ad alcune importanti peculiarità di questo tipo di vettura, resta la Xc70, progenitrice delle Cross country scandinave, una «famiglia» che attende con ansia l’arrivo in autunno dell’affascinante Xc60.