C’è la Fornero, tutti sull’attenti ma che gaffe alla festa dell’Arma

Molto sobria e seriosa, come impongono i tempi grami, il ministro del Lavoro, Elsa Fornero (nella foto), passa in rassegna i carabinieri alla caserma Cernaia di Torino - per la festa dell’Arma - con un’espressione rigorosa e impassibile. Non fosse per la borsetta chiara sottobraccio, l’immagine improntata all’austerity sarebbe perfetta. Al momento di pronunciare il suo discorso, la ministra si dimentica di dare il «riposo», (come vorrebbe il bon ton militare), alle truppe schierate sull’attenti sotto il sole cocente. Finché il comandante del reggimento, impietosito per i suoi militari, approfitta di una pausa del ministro per dare l’ordine liberatorio. Al termine della cerimonia, (la) Fornero rompe ancora ogni protocollo militare porgendo la mano a una giovane tenente dei carabinieri che le aveva reso gli onori portandosi la mano alla visiera. Altra gaffe ministeriale. Per fortuna che, poco prima, la signora del Welfare ha fatto una carezza ai carabinieri dicendo che la buona salute dell’Arma è garanzia di unità per l’Italia.