Caccia ai simultanei

Tullio Prata

Messo in archivio il campionato italiano di primavera con lo «strike» del bridge romano, che ha conquistato due titoli su due, con Guido Bonavolgia e Valerio Giubilo nel coppie open e Simonetta Paoluzi insieme alla fiorentina Debora Campagnano tra le donne, ai giocatori romani per mettersi in evidenza non rimangono che i simultanei nazionali. Due secondi posti, qualche piazzamento di contorno e 140 punti in carniere per Stefania Massara con Rocco Pagano, secondi in n/s, seguiti da Eleonora Palma con Pierluigi Porpora decimi e 100 punti tondi tondi, poi Daniele Mesica con Lucio Alemanno (97) e dietro Antonio Latessa con Mario Maggio (76). In e/o sul secondo gradino del podio Carlo Carpentieri con Mario Guarino che hanno guadagnato 140 punti e a distanza Maria Grazia Guidi con Maria Vittoria Tripodi 88 punti, Paola Pittorri con Andrea Samurri 84 punti e Antonio Lardo con Olga Pedrini 77 punti.

Annunci

Altri articoli