Caccia all’iride del ciclismo azzurro Bettini su tutti, poi Paolini e Di Luca

Tra i professionisti, in gara domenica, anche il ripescato Rebellin. Già oggi toccherà alla crono delle donne e degli under 23

Pier Augusto Stagi

Prima notizia: i controlli ematici che rientrano nel programma «Io non rischio la salute» sono tutti ok. Si parte quindi con il piede giusto, sperando che anche il colpo di pedale non sia da meno. Stanno bene i ragazzi di Franco Ballerini, che ieri si sono allenati per tre ore abbondanti sulle strade dei Mondiali di Varese 2008 e questa sera raggiungeranno Salisburgo con un volo charter che partirà dalla Malpensa alle 19.15. La squadra azzurra punta su Paolo Bettini, da quattro anni a questa parte il nostro migliore uomo nelle corse di un giorno. L’oro di Atene potrà contare su Luca Paolini, che all’occorrenza può anche lavorare in proprio, ma anche sul prezioso lavoro e apporto di corridori come Danilo Di Luca, Filippo Pozzato e quel Davide Rebellin che dal 2001 (Lisbona) non vestiva l’azzurro e che nel 2004 (Verona) fece il diavolo a quattro pur di correre sulle strade di casa, arrivando a chiedere – inutilmente – anche la cittadinanza argentina.
Riapproda in maglia azzurra dopo due anni anche Danilo Di Luca. «A Salisburgo le condizioni meteorologiche saranno determinanti: con pioggia e gelo sarebbe molto più dura – dice il leader della Liquigas - a ogni modo domenica darò il massimo per riportare la maglia iridata in Italia. Ballerini? Ha fatto un ottimo lavoro per creare una squadra determinata al successo. Al di là dello schema a due punte, saprà motivarci tutti per tirare fuori il meglio di noi stessi».
I mondiali di ciclismo a Salisburgo si aprono ufficialmente oggi con le prove a cronometro riservate alle donne élite e ai ragazzi under 23. Le azzurre, guidate da Edoardo Savoldi, sono Tatiana Guderzo, 22 anni, e la campionessa d’Italia Silvia Valsecchi, 24. La loro prova si svilupperà su un tracciato di 26,1 chilometri. I ragazzi sono Luca Barla, 18 anni, e il tricolore Alan Marangoni, 22. I ragazzi, diretti dal ct Sandro Callari, dovranno percorrere 39,5 chilometri.
Domani sarà la volta della prova a cronometro riservata ai professionisti. Gli azzurri scelti dal ct Sandro Callari sono Vincenzo Nibali, ventunenne messinese, terzo nella crono mondiale junior 2002 e under 23 nel 2004, e il campione d’Italia Marco Pinotti, trentenne bergamasco, già azzurro nel 2001 e nel 2005.