Caccia inglesi intercettano 8 Tupolev russi

da Londra

Per la seconda volta nel giro di pochi mesi, la Royal Air Force ha fatto levare in volo i propri caccia per intercettare bombardieri russi Tupolev-95 che stavano approssimandosi al limitare dello spazio aereo britannico, rimasto peraltro inviolato. Lo ha reso noto il ministro della Difesa di Londra: «Nelle prime ore di oggi quattro Tornado F3 della Raf sono decollati dalle basi di Leeming e Waddington per intercettare otto bombardieri russi, che non sono comunque entrati nello spazio aereo del Regno Unito», recita un comunicato ministeriale. Vistisi individuati i piloti degli otto aerei russi hanno subito invertito la rotta, e si sono allontanati senza ulteriori imprevisti.
Anche alcuni caccia norvegesi si sono alzati in volo per controllare il passaggio di otto bombardieri russi sullo spazio aereo internazionale al confine norvegese, che non è stato varcato.
Il portavoce delle Forze aeree russe Alexander Drobyshevsky ha confermato che i bombardieri hanno iniziato esercitazioni sulle lunghe distanze su scala mondiale mercoledì in tarda serata secondo i piani annunciati il mese scorso dal presidente Vladimir Putin. Il portavoce ha sottolineato che i voli non hanno violato nessuna norma internazionale e che gli aerei militari «volano su acque neutrali».