Caccia al politico a luci rosse

A Trieste è caccia aperta al politico nazionale che avrebbe avuto incontri a luci rosse con squillo procacciate da un avvocato, finanziate da un imprenditore, e ospitate dal padrone di un albergo di Udine. I tre professionisti sarebbero ora indagati mentre nessun addebito grava sulle spalle del fantomatico politico. La tresca è stata smascherata ancora una volta grazie a intercettazioni, che dovevano controllare eventuali sospette irregolarità in campo finanziario e tributario ed erano state richieste dalle Fiamme gialle. L’operazione è servita invece a tutt’altro e dalla rete è emersa l’ennesima sconcertante storia di sesso a pagamento che ora scatena la caccia al fantomatico vip della politica.