Caccia al tesoro in mezzo al lusso

Son tanto triti i film di caccia al tesoro con Nicolas Cage che ora questo, dove a cercarne uno è il più giovane e bello Matthew McConaughey - Tutti pazzi per l'oro di Andy Tennant - pare bello. Il filone ha sempre serpeggiato a Hollywood, per trar lucro anche dalla meno verosimile ricerca del lucro stesso. Dopo il primo Indiana Jones con Harrison Ford di quasi trent'anni fa, oltre vent'anni fa anche Michael Douglas si dava All'inseguimento della pietra verde: da allora s'è rivelata illusione la speranza che il pubblico americano alimentasse altrimenti i suoi sogni venali. Comunque sceneggiatura di John Claflin & Daniel Zelman, e regia di Tennant imprimono a Tutti pazzi per l'oro un brio più da commedia brillante che da film avventuroso e per questo, rispetto agli altri titoli citati, lo si sopporta. Certo, anche qui la coppia protagonista ha appena divorziato, anche qui il film spiega - a lei (Kate Hudson) soprattutto - che il loro amore è ancora immenso; certo, anche lui è stato vittima delle sue bugie e delle velleità. Ma il pubblico è seriale e si rassicura coi luoghi comuni: se trovasse della vera originalità, si pensa, andrebbe a vedere altri polpettoni, magari peggio cucinati. Perciò anche lo spettatore perbene può accompagnare la bella coppia in crisi fra acque limpide e immersioni pericolose. Il meglio lo troverà nei dialoghi salottieri sulla barca di lusso, con Donald Sutherland nel ruolo del magnate e Alexis Dziena in quello della figlia attraente e indisponente. Anche qui poco di nuovo, ma molto di professionale e poi era ora che Sutherland abbondonasse le maschere sataniche che portava da troppo tempo.

TUTTI PAZZI PER L'ORO di Andy Tennant (Usa, 2007), con Matthew McConaughey, Kate Hudson. 112 minuti.