«Cacciare la hostess cattolica? Assurdo»

Il divieto a una hostess della British Airways di indossare una croce è quanto meno «eccentrico». A parlare è il ministro britannico per l’Irlanda del Nord, Peter Hain, all’indomani della notizia della sospensione dal lavoro di Nadia Eweida, che si è rifiutata di non indossare o almeno di coprire con un foulard il girocollo con una croce come ciondolo che è solita portare. «Francamente penso che l’ordine della British Airways sia eccentrico - ha commentato Hain in un’intervista alla Bbc -. Non lo capisco, penso che nessuno lo capisca, questa è la mia posizione». Nadia Eweida, 55 anni, addetta al check-in dello scalo londinese di Heathrow, è stata mandata a casa due settimane fa senza stipendio. La donna ha deciso di fare causa alla compagnia di bandiera britannica per discriminazione religiosa.